fotogramma charles leclerc seduto su una monoposto ferrari

E’ iniziata la settimana che ci porterà al Gran Premio d’Austria, gara che darà il via alla stagione 2020 di Formula Uno, momento attesissimo da tutti gli appassionati, anche se il ritardo rispetto alle abitudini tradizionali è stato inevitabile a causa della pandemia. A partire con i favori del pronostico saranno inevitabilmente ancora una volta la Mercedes e Lewis Hamilton, deciso ad arricchire la sua bacheca personale con un nuovo successo iridato.

La Ferrari, ormai a digiuno di trionfi da troppo tempo, sogna però di insidiare le Frecce d’Argento: Charles Leclerc è già motivatissimo e si augura di migliorare i risultati ottenuti lo scorso anno.

Le motivazioni non mancano

A distanza di poco più di un anno dal suo approdo in Ferrari la posizione di Charles Leclerc è decisamente cambiata. Il monegasco ha dimostrato di poter meritare appieno la fiducia della sua scuderia tramite prestazioni importanti e una determinazione mostrata in pista anche quando si è trottato di lottare fianco a fianco con colleghi ben più affermati.

Non è un caso che il team abbia deciso di rinnovare il suo contratto fino al 2024 e, ora che l’addio a Sebastian Vettel è deciso, il numero 16 non potrà che ripartire con nuovo slancio.

Il “Cavallino” ha lavorato duramente negli scorsi mesi per cercare di migliorare i difetti nella monoposto e la speranza di poter fare qualcosa in più rispetto agli alti e bassi del 2019 non manca. Ma resta comunque la consapevolezza che la Mercedes resta l’avversario da battere e che la Red Bull potrebbe fare da terzo incomodo. Proprio l’Austria, dove il Circus farà tappa nel prossima weekend, evoca ricordi particolari al pilota: un anno fa era infatti riuscito a conquistare la pole position, ma in gara era stato Max Verstappen a trionfare dopo un duello davvero emozionante. L’auspicio del ferrarista è quindi quello di poter avere maggiore fortuna nel primo appuntamento stagionale.

L’esperienza vissuta sulla pista austriaca è però stata importante e proprio il duello con Verstappen, nonostante l’epilogo poco positivo per il monegasco, ha permesso a Charles di migliorare nei duelli a distanza ravvicinata con un avversario: “Non sono grandi ricordi perché la vittoria è sfumata a pochi giri dalla fine. Da lì ho imparato molto e cambiato lo stile di guida, che è diventato più aggressivo. Ma non avremmo vinto lo stesso, non eravamo abbastanza veloci. Speriamo di fare meglio quest’anno“.

La Ferrari alla prova della pista

I test invernali non avevano fatto emergere risultati particolarmente incoraggianti per la Ferrari e stare fermi a lungo a causa del lockdown non ha certamente aiutato. Pochi giorni fa la scuderia di Maranello ha così organizzato una sessione di prova al Mugello, anche se dando in dotazione ai due piloti la monoposto del 2018 con l’obiettivo di poter lavorare senza alcuna interruzione e permettere a Vettel e Leclerc di riprendere confidenza con il volante.

Il monegasco non è uno a cui piace partire battuto ed è già pronto a dare il massimo nel weekend al Red Bull Ring. La voglia di fare bene è tanta, ma almeno per ora preferisce non sbilanciarsi: “Sarà difficile, dobbiamo mantenere i piedi per terra perché non dobbiamo dimenticare che abbiamo avuto un inizio di stagione difficile nei test invernali a Barcellona – ha detto ai microfoni di Sky Sport F1 -. Lavoreremo sodo e poi vedremo dove ci troveremo“.

Al monegasco però la grinta non manca e, per quanto riguarda l’Austria, non vede l’ora di scendere in pista non solo per correre ma anche per capire qual è il livello della Ferrari in questa nuova stagione: “L’obiettivo è quello di cogliere tutte le opportunità che avremo e ottenere il miglior risultato possibile. Il risultato non posso saperlo e non posso fare previsioni, ma aspettiamo l’Austria per vedere davvero dove siamo. Il calendario serrato mi piace e sono contento. Certo, sarà difficile: non si sa se torneremo a casa tra i GP e sarà stancante. Però mi manca così tanto correre che mi va bene“.

Per Leclerc in questa stagione sarà fondamentale la costanza: “L’approccio al Mondiale senza avere un’idea di quanti punti saranno a disposizione alla fine sarà lo stesso. Ci saranno meno opportunità per fare punti e conterà la costanza. Non voglio guardare al passato e dire che in passato ne ho perse. Dobbiamo prenderle tutte e non mancarne una“. Poi sull’eventualità che si corra su più circuiti italiani Charles Leclerc ha espresso entusiasmo: “Mi piacerebbe tanto. Il Mugello è una delle mie piste preferite, Imola mi piace molto. Noi che guidiamo per la Ferrari ogni volta che veniamo in Italia è speciale“.

Foto in alto: fotogramma Sky Sport