Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Ferrari, la carica di Leclerc: “Quest’anno l’approccio è diverso”

Ferrari, la carica di Leclerc: “Quest’anno l’approccio è diverso”

L’allerta mondiale per il Coronavirus non ferma la Formula Uno, che prenderà regolarmente il via il 15 marzo in Australia. Gli appassionati sono già elettrizzati per la ripresa degli impegni ufficiali e cresce la curiosità nei confronti della Ferrari, che ha lavorato per colmare il gap con la Mercedes e provare a riportare a Maranello un titolo che manca ormai da molto tempo. La pista di Melbourne potrebbe non essere una delle più adatte per le caratteristiche della “Rossa”, ma questo non mina le aspettative di Charles Leclerc, pronto per la sua seconda stagione con la scuderia italiana e fiducioso sulle potenzialità della monoposto.

Avanti con grande fiducia in se stesso

La stagione di Formula Uno che sta per prendere il via sarà la seconda per Charles Leclerc alla Ferrari, ma nonostante la giovane età il monegasco ha dimostrato di non avere niente da invidiare rispetto ai colleghi più esperti. Il pilota ha infatti saputo reagire con grande determinazione alle difficoltà che si sono verificate nei mesi passati e ora è prontissimo a dimostrare che la fiducia mostrata dalla scuderia nei suoi confronti (è fresco di un rinnovo di contratto che lo lega al team italianio per 4 anni) è stata la scelta giusta. Anche i rapporti di forza con il compagno di squadra Sebastian Vettel sono cambiati: ora i due partiranno alla pari.

Al momento resta ancora da capire chi potrà essere al suo fianco nel 2021 (un eventuale rinnovo del tedesco sarà preso in considerazione nei prossimi mesi). Per il momento, Leclerc sembra mostrare gran sicurezza: “Nelle categorie minori sono stato spesso una figura di riferimento. È vero che parliamo di realtà di quaranta persone contro le mille che ci sono oggi in team di Formula 1, ma alla fine il ruolo del pilota è quello – ha detto ai microfoni di Motorsport.com -. Devi riportare i feedback corretti ed anche sapere motivare la gente con cui lavori soprattutto se ci si trova in momenti difficili, ed è ciò che sto facendo anche ora. Anche se oggi c’è Sebastian vicino a me, sto provando a comportarmi in questo modo indipendentemente dalla mia giovane età. Lo sto già facendo, anche se c’è Sebastian che ha più esperienza di me”.

Il monegasco ha poi espresso un commento molto positivo su Lewis Hamilton: “Lewis è veramente forte, ciò che ammiro è soprattutto la sua consistenza in gara, il saper tirar fuori sempre il cento per cento. Ognuno di noi ha punti di forza, ma se c’è qualcosa su cui vorrei lavorare è proprio la costanza in gara. Forse Lewis sente che lo rispetto, alla fine credo che tra sportivi il rispetto reciproco sia il sentimento corretto”.

Presto per sbilanciarsi

A differenza di un anno fa in cui i giudizi al termine dei test erano stati quasi entusiastici, ma poi non sempre confermati dalla prova della pista, ora Charles preferisce non sbilanciarsi troppo sulle potenzialità della nuova monoposto. “Essere la terza forza a Melbourne non sarebbe completamente una sorpresa. Poi nel caso ci rimboccheremo le maniche e miglioreremo, come abbiamo fatto l’anno scorso. L’anno scorso eravamo partiti molto bene, eravamo contentissimi, poi la prima gara ha dimostrato che non avevamo capito dove fossimo. Quest’anno l’approccio è diverso, ci siamo concentrati su di noi, anche se Mercedes e Red Bull sono molto forti. Il programma è stato importante per crescere, conoscere meglio l’auto ed essere pronti per Melbourne“.

Almeno per ora il lavoro svolto dai tecnici sulla vettura sembra essere comunque soddisfacente: “L’obiettivo era mettere più carico e ci siamo riusciti, nelle curve strette abbiamo più grip a scapito della performance in rettilineo. Solo alla prima gara sapremo se l’equilibrio è corretto oppure no, però quello che volevamo fare con la macchina lo abbiamo fatto” – ha concluso.

 

Foto: Instagram