Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Gp Russia, il sospetto di Hamilton: “Stanno cercando di fermarmi”

Gp Russia, il sospetto di Hamilton: “Stanno cercando di fermarmi”

Il Gran Premio di Russia ha visto trionfare Bottas. Al secondo posto invece Verstappen, seguito da Hamilton. Il campione ha dovuto scontare una penalità di dieci secondi per essersi posizionato in modo sbagliato durante le prove di partenza. È sfumata così la possibilità, per questo weekend, di raggiungere il record di vittorie di Schumacher.

In casa Ferrari, Leclerc ha portato avanti una gara senza errori, terminando al sesto posto. La monoposto del monegasco è sembrata più competitiva degli scorsi weekend, come conferma il pilota stesso, come riportato da Motorsport.com. Anche Binotto ha parlato di miglioramenti. Di parere diverso Vettel, che si è classificato tredicesimo, dopo una gara da lui stesso definita noiosa.

Bottas si è tolto un sassolino nella scarpa e, oltre ad esprimere la sua felicità, ha mandato un messaggio a tutti quelli che lo criticano.

Hamilton non prende bene la penalità

Il campione Lewis Hamilton ha voluto dire la sua opinione sulla penalità che gli è stata inflitta in gara e che, di fatto, gli è costata la vittoria: “Sono abbastanza sicuro che nessuno abbia mai ricevuto due penalità di cinque secondi per qualcosa di così ridicolo prima. Non ho messo nessuno in pericolo, l’ho fatto su un milione di piste nel corso degli anni e non sono mai stato investigato. Ma così è andata“.

In particolare la motivazione della penalizzazione non sembra convincere Hamilton, che ha lanciato perfino un sospetto: “C’è da aspettarselo. Stanno cercando di fermarmi, non è vero?“. Il campione è deciso comunque a lottare: “Ma è ok così. Devo solo tenere la testa bassa e rimanere concentrato. Vedremo cosa succederà“.

Hamilton ha anche commentato la strategia della scuderia Mercedes. In particolare il momento del pit stop era stata argomento di alcuni team radio tra il pilota e la scuderia: “La strategia prevedeva che mi fermassi in quel giro, stavo solo cercando di convincere la squadra di andare avanti il più possibile. In realtà non è cambiato molto… Ne discuteremo nel team per cercare di capire“.

Leclerc anticipa nuovi aggiornamenti

Leclerc è riuscito ad ottenere un buon sesto posto nella classifica generale del Gran Premio di Russia. In generale la sua monoposto è sembrata più competitiva degli ultimi Gran Premi, come confermato dallo stesso pilota: “Rispetto alle ultime gare abbiamo fatto un passo avanti. Certo, dobbiamo rimanere con i piedi ben piantati a terra. È solo una gara, ma è stata positiva. Sono sicuro che per il team sia stata una sorpresa essere stati così competitivi in gara. Molto bene, ma dobbiamo capire perché“.

Il pilota ha raccontato la sua soddisfazione per questo cambiamento: “Però è un risultato che dal punto di vista mentale ci fa bene, fa vedere che siamo più competitivi di altre macchine. Soprattutto dopo il Mugello, dove siamo stati davvero poco competitivi. Sono contento del nostro fine settimana… oggi abbiamo fatto un bel passo avanti“.

Sugli aggiornamenti della monoposto ha aggiunto: “Per adesso sembra che la strada intrapresa sia quella giusta. Abbiamo avuto per ora solo un piccolo aggiornamento, non credo che ci abbia fatto fare un salto in avanti grosso sulle performance in questo fine settimana“. Inoltre ha svelato l’arrivo di novità nel prossimo Gran Premio: Ora al Nurburgring arriverà un pacchetto di aggiornamenti più grosso, vedremo là come andremo“.

Vettel per nulla soddisfatto

Se Leclerc è riuscito a portare a casa una gara abbastanza soddisfacente, visto il momento buio della Ferrari, Vettel non è contento della sua monoposto. Il campione ha dichiarato che il problema della Ferrari è generale: “Purtroppo il problema della SF1000 non è solo al posteriore. Il problema è proprio tutta la macchina“. E ancora: ” Non mi sono sentito a mio agio con la macchina. E’ stata una gara difficile. Ho finito le gomme rapidamente, non avevo il passo… Io ho fatto il massimo con la macchina che avevo, per questo sono contento”.

Vettel ha anche commentato la scelta della scuderia di farlo fermare piuttosto tardi al pit stop, forse per favorire il compagno di scuderia: “Mi sarebbe piaciuto fermarmi prima, ma alla fine non ha fatto tutta questa differenza… In termini di strategia non penso potessimo fare molto. E‘ stata una gara un po’ noiosa“.

Stroll voleva una penalità per Leclerc

Lance Stroll oggi è stato costretto al ritiro subito dopo la partenza. Il pilota ha avuto un contatto con Leclerc ed è finito contro la barriera. Dopo la gara, Stroll ha raccontato la dinamica dell’incidente: “Sono piuttosto sorpreso che Leclerc non sia stato penalizzato. Gli ho dato tanto spazio. Ho fatto tutta la curva all’esterno e lui mi ha preso sulla posteriore destra”.

Il pilota della Racing Point ritiene fosse giusta una penalità ai danni del ferrarista: “Avrebbe potuto evitarlo. Non avrebbe dovuto essere così vicino mentre era all’interno di quella curva. Dunque credo proprio che sia ridicolo che non sia stato penalizzato“.

La rivincita di Bottas

Bottas oggi ha trionfato, cogliendo a pieno l’opportunità data dalla penalità inflitta al compagno di scuderia: “Dopo la penalità a Lewis, ci ho creduto. Ho cercato di gestire la mia gara, sapevo che avrei avuto le mie possibilità e non mollo mai. Bello tornare alla vittoria, mi mancava da un po’. Devo cercare di mantenere questo slancio, mancano ancora tante gare e io devo spingere senza mollare mai“.

Bottas si è detto fortunato e ha raccontato un episodio accaduto in Italia a cui lega la sua vittoria: “Dopo il Mugello sono andato all’Isola d’Elba, ho trovato una chiesa lì e mi sono sbarazzato degli spiriti negativi“. Il pilota ha voluto sottolineare che crede ancora nella possibile vittoria del mondiale: “Spero nel titolo, assolutamente: sarebbe assurdo mollare a questo punto, è giusto tenere l’asticella più in alto possibile ed ambire al massimo“.

Infine Bottas si è levato la soddisfazione di rispondere alle tante critiche ricevute: “Mi sembrava un buon momento per ringraziare chi mi critica. I risultati di quest’anno non sono dovuti alla pressione. Onestamente però non capisco chi critica le persone. Io non rinuncerò mai. Volevo dedicare a loro i miei migliori auguri“.

L’opinione di Binotto

Binotto ha sintetizzato in poche parole la gara di oggi: “Un passo avanti, almeno rispetto alle ultime gare, sia in termini di risultato che di competitività“.

Il team principal della Ferrari ha commentato la prestazione dei due piloti:Il sesto posto di Charles è arrivato al termine di una gara molto solida in cui ha tirato fuori il possibile dal pacchetto a disposizione: aggressiva nelle primissime battute e poi gestita con grande maturità per un pilota che deve ancora compiere 23 anni“. E su Vettel: “Sebastian non è riuscito a finire in zona punti, rimanendo imbottigliato nel traffico nelle decisive fasi della partenza“.

Sugli aggiornamenti tecnici ha aggiunto: “Avevamo portato qui a Sochi alcuni piccoli aggiornamenti aerodinamici… in un campionato in cui i rapporti di forza a centro gruppo sono molto ravvicinati basta poco per progredire. Dobbiamo continuare in questa direzione ed è quello che faremo già dal prossimo appuntamento“.

Foto in alto Instagram Mercedes