Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

È morto Carlo Ubbiali, leggenda della MotoGp: il ricordo di Agostini, Capirossi e Biaggi

È morto Carlo Ubbiali, leggenda della MotoGp: il ricordo di Agostini, Capirossi e Biaggi

La MotoGp sta vivendo un lungo periodo di pausa dalle competizioni e una fase di organizzazione del nuovo calendario per la stagione 2020. Dopo la recente notizia della cancellazione anche del Gran Premio del Giappone, sembra proprio prendere forma una stagione 2020 a 12 gare con partenza da Jerez il 19 luglio.

Oggi però il mondo sportivo della MotoGp si stringe nel ricordo del campione Carlo Ubbiali, scomparso il 2 giugno. Il pilota bergamasco, ormai novantenne, è deceduto a seguito di difficoltà respiratorie, che lo avevano portato al ricovero ospedaliero già nel mese scorso.

La carriera di Carlo Ubbiali

Il pilota bergamasco è considerato una leggenda del mondo della MotoGp italiano ma anche mondiale. Carlo Ubbiali ha vinto infatti ben 9 titoli mondiali nel corso della sua carriera, sia nelle competizioni di 125cc che nelle 250cc.

Ubbiali comincia a correre nel 1949 all’età di 20 anni e già nel 1951 trionfa nella competizione 125cc e vince il suo primo titolo mondiale. Il secondo titolo mondiale arriva nel 1955, dopo il passaggio alla Mv Augusta, scuderia per cui gareggerà fino alla fine della sua carriera. L’anno successivo, il 1956, è quello più importante per il suo percorso su due ruote, con la doppia vincita mondiale sia nella competizione 125cc che in quella 250cc. Gli altri trionfi mondiali arriveranno negli anni 1958, 1959 e 1960.

Un percorso sportivo strabiliante, se si considera il tempo relativamente breve in cui il pilota bergamasco è stato protagonista delle piste. Infatti Ubbiali si ritirò a soli 31 anni. Delle 74 gare disputate nella sua carriera, ne ha vinte 39.

Il ricordo dei colleghi

Carlo Ubbiali è stato un grande campione mondiale. Vinse 9 titoli” così inizia il ricordo di Agostini dello scomparso Ubbiali ai microfoni di MotoGp.com. Agostini ha voluto rivelare di essere stato un suo tifoso. “Lo ricordo, ero giovane, circa dodici anni, quando lui vinse molti Gran Premi e mondiali” ma ancora: “É il mio idolo perché pensavo un giorno sogno di essere come Carlo Ubbiali e quel giorno è arrivato e sono così felice di questo e dispiaciuto per la sua morte“.

Anche Max Biaggi ha parlato della leggenda del MotoGp: “Era un grande campione, tutti lo sapevano… Abbiamo perso una delle più grandi presenze del motorsport“.

Infine il commento di Loris Capirossi: “Conoscevo bene Carlo e abbiamo perso un grande campione…. Era molto coraggioso… non lo scorderemo mai“.

Foto in alto: Fotogramma Canale YouTube
Il Sole 24 ORE