jorge lorenzo primo piano sorridente

Il futuro di Jorge Lorenzo potrebbe essere nuovamente a un bivio. A pochi mesi di distanza dalla scelta di tornare nel Paddock nelle vesti di collaudatore Yamaha, le strade del maiorchino e del team di Iwata potrebbero nuovamente dividersi. Il contratto che li lega scadrà infatti a fine stagione, ma l’impossibilità di scendere in pista in veste di wild card a Barcellona (a causa del Covid-19 e delle normative di sicurezza, la Dorna ha deciso di non concedere alcuna deroga) e di provare qualcosa di innovativo sulla moto potrebbero spingerlo a guardarsi attorno.

A sorpresa, il cinque volte campione del mondo potrebbe mettersi nuovamente in gioco nelle vesti di pilota: tra le ipotesi da valutare c’è quella di un clamoroso ritorno alla Ducati.

Porte girevoli in casa Ducati?

La Ducati sembra essere arrivata a un bivio, stanca di non riuscire a impensierire in modo incisivo la leadership della Honda.

La trattativa con Andrea Dovizioso sarebbe diventata difficile, secondo Sky Sport. Petrucci avrebbe invece raggiunto un accordo per l’ingaggio in KTM, mancherebbe solo l’ufficialità. Il pilota su cui il team potrebbe concentrare la sua attenzione potrebbe essere però un nome davvero clamoroso: Jorge Lorenzo.

Per il maiorchino non sarebbe la prima esperienza con la scuderia di Borgo Panigale con cui ha corso per due anni prima di accasarsi alla Honda per un’annata tutt’altro che esaltante al termine della quale il campione si è ritirato. Per uno come il maiorchino tornare in Ducati avrebbe un sapore di rivincita. Il cinque volte iridato non avrebbe inoltre particolari problemi ad accettare un ingaggio ridotto, secondo la strategia di riduzione dei costi messa in atto dall’azienda in questa fase di ripartenza, oltre a poter contare sul supporto di un dirigente che ha sempre avuto fiducia in lui, Gigi Dall’Igna.

L’affare può essere davvero fattibile

Non ci sarebbero inoltre particolari intoppi sul piano burocratico. Il contratto che lega Jorge alla Yamaha è infatti in scadenza a fine stagione al momento non si è ancora parlato di un eventuale rinnovo. Anzi, a confermare una situazione poco confortante da entrambe le parti è stato anche il team manager di Iwata, Lin Jarvis: “E’ frustrante, non esiste alcun modo per definire lo sviluppo che Jorge Lorenzo ha potuto fare quest’anno – ha detto ai microfoni di Speedweek -. Il Covid-19 ha portato con sè molti aspetti frustranti e i nostri piani con Lorenzo sono stati gravemente colpiti. Jorge ha guidato due giorni a Sepang, ma in realtà è stato solo un test per lui, non ha fatto molto per noi. È servito principalmente per farlo riabituare alla moto e per farlo essere veloce. In programma avrebbero dovuto esserci dei test in Giappone e in Europa. Tutto era pianificato, ma è stato ancora cancellato“.

A questo punto nessuna ipotesi può essere esclusa, ma al momento è difficile ipotizzare un rinnovo del contratto per il maiorchino. Queste le parole di Jarvis che si leggono su Motosprint: “Rinnovargli il contratto? Questa è la domanda, visto che i test con Jorge non sono ancora iniziati. Se concordiamo un nuovo contratto, deve essere interessante per entrambe le parti. Al momento posso solo dire ‘Aspettiamo e vediamo quanti giorni di test possiamo fare quest’anno’. Quindi decideremo insieme a Jorge se continueremo o meno la cooperazione. Abbiamo un contratto di un anno. Se entrambi riterremo di voler continuare, ne parleremo“.

Foto in alto: Instagram Jorge Lorenzo