Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

MotoGP, Valencia: Joan Mir trionfa e intravede il titolo

Joan-Mir-trionfa-Valencia

La gara di Valencia passerà alla storia per tanti motivi, trionfa la Suzuki che piazza i suoi piloti davanti a tutti al primo e secondo posto, un risultato che non riusciva alla casa di Hamamatsu dal 1982, quando ad Hockeneim vinse Randy Mamola su Virginio Ferrari. 38 anni dopo la Suzuki piazza al secondo posto Alex Rins mentre a trionfare è Joan Mir, sempre più leader del mondiale con ben 37 punti di vantaggio sul compagno di squadra quando mancano ormai solo 50 punti da assegnare.

Mir vince la sua prima gara: nel prossimo appuntamento potrebbe festeggiare il titolo

Doppietta Suzuki a Valencia, gara perfetta per le due moto giapponesi che si confermano una volta di più le migliori moto dell’intero circus. La vittoria è stata infatti una lotta a due tra Mir e Rins, inseguiti da vicino dal poleman Espargarò ma i due piloti di testa sono stati inarrivabili fino alla fine. Trionfa finalmente Joan Mir che legittima la prima posizione in campionato togliendosi di fatto, l’ombra di non aver mai vinto. Sesto podio nelle ultime sette gare e primo trionfo in top class per il giovane spagnolo che quando mancano due gare e 50 punti da assegnare si gode i 37 punti di vantaggio sul compagno di squadra.

Qualora Mir non perdesse più di 13 punti nel prossimo GP (da Quartararo e Rins) potrebbe diventare incredibilmente campione del mondo. Niente da fare per Alex Rins, secondo al traguardo e leader della corsa per la prima metà, tuttavia alla lunga, il passo di Mir ha prevalso relegando il vincitore del GP di Aragon alla seconda posizione in gara. Completa il podio Pol Espargarò, autore di una gara solida che conferma la velocità della KTM, capace di mettersi davanti marche come Honda, Ducati e Yamaha.

Valentino Rossi out, abisso Yamaha

Non è bastato il rientro sulle ali dell’entusiasmo per Valentino Rossi per invertire il trend negativo che lo accompagna da ormai gran parte di stagione. Il nove volte iridato deve infatti subire l’ennesimo “zero”, questa volta dovuto ad un guasto tecnico, sintomo della mancanza di affidabilità che caratterizza le Yamaha in quest’annata. Dicono (probabilmente) addio alle chance da titolo anche Franco Morbidelli, solo undicesimo in gara e distante 45 punti da Mir, e Andrea Dovizioso, ottavo, a pari punti con l’italo-brasiliano.

La prima gara di Valencia lascerà l’amaro in bocca anche a Maverick Vinales, quattordicesimo e lontano 41 punti dal leader del campionato. Giornata nera per Fabio Quartararo, caduto al primo giro, per il francese adesso la corsa al titolo si fa in salita, essendo distante 37 punti a pari merito con Rins.

Foto in alto: fotogramma Twitter MotoGP.com

Leggi anche

Pol Espargarò conquista la pole position a Valencia

Yamaha sanzionata, i piloti non pagano penalità 

Ancora un’incognita il rientro di Marquez