Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Il ruggito di Lorenzo: “Numeri migliori di Rossi con la Ducati”

Il ruggito di Lorenzo: “Numeri migliori di Rossi con la Ducati”

Jorge Lorenzo è alla sua seconda stagione in Ducati, ma nonostante la vittoria ottenuta nell’ultima gara al Mugello non ha mai del tutto convinto. Le critiche, soprattutto per uno come lui che vanta cinque titoli in carriera, in questi mesi non sono mancate. Il suo rendimento insufficiente ha fatto però ancora più scalpore se rapportato a quello del compagno di squadra Andrea Dovizioso, che l’anno scorso ha lottato fino all’ultima gara per il Mondiale. Il maiorchino rivendica però quanto fatto e ci tiene a sottolineare di avere fatto meglio di Valentino Rossi in sella alla moto italiana.

Un rendimento da rivendicare

L’approdo di Jorge Lorenzo in Ducati era avvenuto con grandi aspettative da entrambe le parti. Il pilota, arrivato nella fase della maturità della sua carriera, desiderava dimostrare di essere in grado di riuscire a rendere competitiva anche la moto italiana. Stessa idea anche per la scuderia di Borgo Panigale, che non riesce a conquistare un titolo ormai dal 2007 con Casey Stoner.

Tutto questo nei fatti non è però avvenuto. Il team ha così deciso di non rinnovare il contratto allo spagnolo, che sarà sostituito da Danilo Petrucci, “promosso” dopo l’esperienza in Pramac. Proprio pochi giorni dopo l’annuncio della sua nuova destinazione (il maiorchino affiancherà Marc Marquez alla Honda), è arrivata la vittoria tanto attesa con la “Rossa” sulla pista più amata dai nostri connazionali: il Mugello.

Il cinque volte campione del mondo ritiene però di non avere fatto poi così male. O almeno, meglio di uno dei suoi “rivali” di un tempo: Valentino Rossi. “Anche se non avessi vinto al Mugello, avrei avuto numeri migliori di Rossi con la Ducati – ha sottolineato -. Ho fatto tanti giri in testa e il mio distacco dal vincitore è stato molto ridotto in alcune occasioni“.

Jorge Lorenzo festeggia la vittoria al Mugello (Foto: Formula Passion)

Si punta al massimo a Barcellona

Nel weekend in arrivo la MotoGp farà tappa al Montmelò e Lorenzo si augura così di bissare il successo sulla pista di casa. Lo spagnolo riconosce comunque come sia cambiata la moto italiana dai tempi del “Dottore”: “È anche vero che parliamo di due epoche distinte. Ora la Ducati è più competitiva, mentre la Desmosedici di Rossi era sicuramente più complicata di questa, anche se aveva vinto tante gare con Stoner. Era una moto vincente” – ha concluso.

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi sul podio del Mugello (Foto: Motorsport.com)

Negli ultimi tempi il centauro non ha comunque risparmiato qualche critica di troppo al suo team arrivando addirittura a sostenere di non avere avuto a disposizione tutte le soluzioni tecniche, sulla Desmosedici, necessarie per vincere. Un’ulteriore dimostrazione di come il carattere non gli faccia difetto. Valentino risponderà?

 

Foto immagine in evidenza: LAT Images